COSA SI CHIEDE ALLE CANARIE ? UN BARRAQUITO PER FAVORE!

41c7056a7d01541bc8a76255e50db617_l

A chi non è mai capitato di ordinare il caffè canario per antonomasia, accompagnato dal latte condensato, latte, un goccio di liquore, cannella e la sua fettina di limone?

Un barraquito per favore! Questa è l’ordinazione che va per la maggiore, quando si entra in un bar canario.

Ḕ diventato talmente normale, che quasi nessuno si chiede più da dove venga la parola “barraquito”. Il “barraquito”, o “barraco”, è lo spuntino canario per eccellenza, per cui l’unico dubbio che oggi rimane è se berlo nella versione “completa” o in quella “semplice”. Conoscete la storia del barraquito?

A seconda delle zone, varia in alcuni dettagli. Ma sono tutti d’accordo nell’attribuire l’origine al bar “Imperial”, accanto alla Plaza de Toros, a Santa Cruz de Tenerife. Si dice che un signore, soprannominato “barraquito”, fosse solito fare colazione tutti i giorni in questo bar, e che chiedesse regolarmente un caffè macchiato lungo, con latte condensato, che doveva essergli servito in uno dei bicchieri tipici del “licor 43”, assieme ad una scorza di limone e un po’ di cannella in polvere.

Essendo un cliente abituale, quando lo vedevano entrare, cominciavano a preparargli quello che oggi conosciamo come “barraquito”. Si racconta anche che il “barraquito” venne inventato dal signor Manolo Grijalbo, cameriere di un bar situato di fronte alla “Marquesina” del porto, a Santa Cruz de Tenerife, la caratteristica tettoia all’interno del porto, che era diventata luogo di ritrovo per artisti e personaggi vari.

Nonostante questa bevanda sia diventata un’istituzione per i canari, non si è mai consolidata come bevanda nel resto della Spagna. Tradotto dalla redazione barraquito.es

Articolo di www.vivilecanarie.com