Santa Cruz de Tenerife. Mercado de Nuestra Señora de Africa

unnamed (2)

Sono trascorsi oltre settanta anni dalla sua  costruzione, ma il “Mercado de Nuestra Señora de Africa” a Santa Cruz de Tenerife, conosciuto come La Recova, esercita ancora un grande fascino sui visitatori non solo  per essere un edificio storico, esempio di un’architettura assai versatile, ma per essere il mercato municipale della città. La Recova, sorta sui resti de la Recova Vieja, chiamata Palazzo Royal, inaugurato all’inizio del 1944, è una costruzione in stile coloniale neoclassico, opera dell’architetto José Enrique Marrero,  lo stesso che edificò la basilica di Nuestra Señora de la Candelaria,  patrona dell’isola.

Superato l’arco d’ingresso, si accede a tre ampi cortili, uno centrale in stile classico spagnolo e due laterali sui quali domina la torre in stile “mudejar” (prosecuzione dello stile moresco). Addentrandosi nei porticati, è grande l’attrazione per il tripudio di colori dei banchi di fiori e ancor  più per quelli di verdure e frutta tropicale e non. E ancora: carni e pesci, formaggi , pani di ogni tipo, pasta fresca, dolci, gelati, erboristerie, prodotti artigiani. Tipiche le  caffetterie,  invitanti, per un “desajuno” (colazione), sempre assai affollate.  All’esterno i tipici locali con cucine a vista, che offrono “tapas”, da mangiare rigorosamente in piedi, alle quali è difficile resistere.

E con la visita al “Mercado di Nuestra Señora de Africa ” ci di immerge nella vera Santa Cruz de Tenerife.

Paola Nicelli

(foto Luigi Prosperi animatenerife.com)