La storia dell’ “altra” Virgen de Candelaria

La storia dell’ “altra” Virgen de Candelaria

Nel 1931 sul bordo del barranco de Santos, vicino al ponte Javier de Loño, venne eretta una cappella in segno di ringraziamento per il miracolo che viene attribuito alla Patrona delle Canarie.La 'otra' Virgen de Candelaria

Antonio Hernández, all’età di 8 anni, cadde da un’altezza di 28 metri e giurò di creare un luogo di culto nel punto in cui era caduto, se fosse riuscito a guarire, ed è esattamente quello che successe. Sul bordo del barranco de Santos, entrando da una strada asfaltata, superato il ponte di Javier de Loño, in direzione quartiere La Salud, si scopre l’eremo della Virgen de Candelaria, immagine che viene venerata in questo luogo dal 1931, quando la Vergine operò il miracolo di Antonio Hernández González.

Quando aveva 8 anni, questo bambino cadde da un’altezza di 28 metri, dove si trovava l’abitazione di famiglia, riportando gravi ferite, fino a trovarsi tra la vita e la morte. È la storia dell’”altra” Virgen de Candelaria, un’immagine a cui si rende culto con diverse preghiere e in diversi luoghi, ma sempre secondo il culto della Chiesa Cattolica.

Antonio Hernández, deceduto da oltre un decennio, promise alla Virgen de Candelaria, che se si fosse ripreso da quella spaventosa caduta avrebbe posto una fotografia in onore della “Morenita” e in segno di ringraziamento per i favori ricevuti. Detto fatto. Una volta guarito, venne posta un’immagine all’entrata della salita di quella che una volta era l’abitazione della sua famiglia, che con il tempo divenne un eremo. Nel 1940 l’eremo venne benedetto in privato e venne celebrata un’eucarestia dal domenicano di Candelaria, Ramón Fernández.

Quello stesso anno coincise con la creazione della parrocchia de la Cruz del Señor, e con la cui benedizione vennero celebrati i culti nella caverna della Virgen de Candelaria del barranco Santos, con l’autorizzazione dei vescovi dell’epoca, prima Fray Albino, e dopo Domingo Pérez Cáceres e Luis Franco Cascón. E proprio quest’ultimo realizzò una visita episcopale il 28 maggio del 1964. Cinque anni dopo, nelle Festività di Agosto, fu consacrato l’Eremo de La Candelaria dal primo parroco del quartiere La Salud, Domingo Morales, su mandato del Vescovo di Tenerife, Luis Franco.

Questo eremo, gode della fratellanza con Jesús Nazareno e Nuestra Señora de Candelaria, approvata in forma canonica il 15 maggio del 1995.

(Foto El párroco de La Salud, Daniel González. María Pisaca )

© Riproduzione vietata