La Hijuela il giardino botanico di La Orotava

La Hijuela il giardino botanico di La Orotava

La Hijuela, quest’area emblematica che si trova nel centro storico di La Orotava, è Bene di Interesse Culturale nella categoria dei cosiddetti giardini storici.

Si tratta di un giardino romantico che conserva all’interno tanta storia, specie singolari, e informazioni botaniche di grande interesse.

A partire dal prossimo settembre l’orario d’apertura, ad ingresso libero, sarà dalle 9.00 alle 18.00, mentre nei fine settimana sarà dalle 10.00 alle 15.00.

Questo giardino botanico è uno spazio pubblico di 3.390 metri quadrati, che si trova   nella parte finale dell’Ayuntamiento de la Orotava, sopra il vecchio orto dell’antico convento di San José. Fu creato nel 1788 su iniziativa del VI Marchese di Villanueva del Prado, Alonso de Nava y Grimón, che volle creare un centro complementare all’attuale giardino botanico di Puerto de la Cruz (che si chiamava Jardín de Aclimatación de La Orotava). Nel 1791 cominciarono le opere del giardino, che durarono oltre due anni. Il 21 giugno del 2007, con un decreto del Governo delle Canarie, il giardino è stato dichiarato Bene di Interesse Culturale nella categoria dei Giardini Storici.

L’interno si sviluppa su una serie di aiuole dalle forme distinte, delimitate da muretti, in mezzo a cui si snodano le passeggiate create su suolo di terra.

L’area, che all’interno ospita uno stagno con diverse specie vegetali acquatiche, è circondata da un muro di rivestimento provvisto di griglie.

Possiede inoltre un portone forgiato del XIX secolo.

Vi sono alberi di grande interesse per dimensioni, età, rarità o provenienza da luoghi remoti. Le passeggiate a serpentina lungo il giardino consentono di godere a pieno di tutte le specie presenti, tra cui il castagno d’India (ippocastano), il flamboyant (albero del fuoco), il pouteria sapota, le conifere australiane e un bell’esemplare di Drago. Tra la vegetazione più significativa presente a la Hijuela quella legata al fiore canario, come per esempio esemplari di dracaena drago (drago), arbustos canariensis (corbezzolo delle Canarie), juniperus cedros (cedro), phoenix canariensis (palma delle Canarie). Ci sono anche esemplari di flora esotica come la  metasequioia glyptostroboides (abete d’acqua), unica specie vivente di questo genere originaria della Cina, o il magnifico ginkgo biloba, unica specie vivente del genere delle ginkgoales, e con fossili che si rifanno al periodo permiano, nel paleozoico. Di grande interesse anche le collezioni botaniche presenti come le aracee, le cupressaceae, le palme e conifere, mentre nelle aiuole adiacenti il muro sono presenti le piante rampicanti: aristolochia, wisteria nutt (glicine) e clematidi.