Isole Canarie: otto anni di ricerca per recuperare il pomodoro Orone

15 recuperare il pomodoro Orone420

Dopo otto anni di ricerca, ripresa e miglioramento, il primo raccolto di pomodoro Orone è finalmente sul mercato. Questa varietà non era più stata coltivata nelle isole Canarie dagli anni ’70, ma che è in grado di competere con qualsiasi altra varietà di pomodoro commercializzata sulle isole, cui è nettamente superiore soprattutto in termini di valori nutrizionali, colore, odore e gusto.

Nel 2009, il dipartimento Ricerca e Sviluppo della Cultivation and Agricultural Technology of Tenerife (Cultesa), insieme alla University of La Laguna (ULL) e all’Agricultural Biodiversity Centre of Tenerife, ha iniziato un progetto di ricerca pioneristico nelle isole Canarie per la selezione e lo sviluppo di varietà tradizionali di pomodoro. Per tre anni sono state prese in considerazione varietà, che sono state definite per morfologia e bromatologia. Come spiega Leonardo Amador, capo di dipartimento a Cultesa, è stata eseguita una valutazione agronomica e organolettica di 57 diverse varietà di pomodori locali che sono state coltivate sulle isole almeno fino agli anni ’70, e cui semi sono stati conservati nella National Germplasm Bank.
“Non sapevamo né se si trattasse di varietà con una buona resa produttiva, né se avessero un buon sapore. Sapevamo solamente che tipo di pomodori erano e dove venivano coltivati. Dopo le prime analisi però eravamo già sicuri che la Orone, coltivata nella valle Gran Rey, La Gomera, fosse la varietà più interessante.

Per questo ci siamo concentrati sulla selezione e lo sviluppo di questa varietà” ha spiegato Amador, riconoscendo anche che “è stato un lavoro molto duro, che ha richiesto molti investimenti e l’analisi di un gran numero di dati, ma che ci ha consentito di ottenere la prima varietà commerciale di pomodoro registrata direttamente nelle Canarie”. Cultesa è l’azienda produttrice e costitutrice di questa varietà e, di conseguenza, l’unica cui è permesso riprodurla e venderla.

La Orone è già coltivata in varie isole con “ottimi risultati”. Leonardo Amador garantisce inoltre che offre “ampie possibilità gastronomiche”. Nel 2013, con il completamento del progetto di selezione e sviluppo di varietà di pomodoro tradizionali delle Canarie, Cultesa ha richiesto al Ministero dell’Agricoltura di registrare l’Orone come varietà commerciale e protetta. Questo è stato concesso a marzo di quest’anno, e il prodotto è stato già commercializzato come varietà locale, differenziata e di alta qualità.

Il pomodoro Orone ha un elevato contenuto di licopene, e, avendo anche un minore contenuto di acqua, fornisce un maggior quantitativo di sostanze nutritive. freshplaza.it – canarias7.es