Granadilla. Punto di grande interesse patrimoniale e storico in cui sorse il municipio

Granadilla. Punto di grande interesse patrimoniale e storico in cui sorse il municipio

Il mantenimento di questo spazio. Non solo per conservare un bene unico dal punto di vista culturale, storico e patrimoniale, ma anche per essere un emblema del municipio, della regione, del modo di vita degli aborigeni e degli insediamenti dei Conquistadores nel sud dell’isola. La sua ubicazione spiega la nascita dell’incasato “Caserío sobre La Fuente”, la costruzione dell’eremo di Santa Lucia e del centro storico di Granadilla de Abona.

Dove sorse Granadilla”: tra il nucleo di Granadilla e Vicácaro si trova il Barmagazine-tenerife-granadilla-fuente-de-lugarranco de La Fuente, una formazione naturale su cui poggia La Fuente del Lugar e l’area che “diede alla luce Granadilla”, come spiega il cartello informativo che si trova in questo luogo e che illustra scene di vita quotidiana della prima metà del XX secolo.

La fonte ha un alto valore culturale, assieme al “Caserío sobre la Fuente”, dichiarato Bene di Interesse Culturale il 23 aprile 2015, il cui nome si deve a questa sorgente naturale di acqua, un luogo tranquillo dove poter ascoltare il suono dell’acqua e degli uccelli, ma che una volta era un luogo molto ambito. Dai tempi degli aborigeni fino alla costruzione del canal del Sur, nel 1945, questa zona dette da bere a molte generazioni. Di fatto, nel desertico sud di quell’isola di Tenerife, questa fonte fu determinante per la nascita di Granadilla. Lì si spostava la popolazione per fare scorta di acqua, compito che spettava alle donne, che la trasportavano in botti e giare fino alle loro abitazioni. Era anche un luogo di ritrovo e di passaggio per molti mulattieri che si spostavano sulla rotta Nord-Sud, che lì si fermavano per riposare e abbeverare i propri animali.